CI RIPROVIAMO !

CI RIPROVIAMO !
Dobbiamo assolutamente discutere e confrontarci sul destino degli scooter coperti !

Un altro tetto italiano . . . !

Per la prima volta, una casa costruttrice di scooter "normali", allestisce e commercializza un accessorio destinato a trasformare completamente un suo modello in uno scooter coperto :

è la Malaguti che, nelle varianti previste per il suo BLOG 125 o 160, prevede anche la dotazione di un tettuccio con tanto di parabrezza e tergicristallo, pubblicizzando il tutto come nuovo modo di vivere il concetto di seconda "auto".

Ecco la descrizione dal sito della Malaguti :


tetto scooter,tettuccio scooter,scooter coperto,scooter pioggia,scooter freddo,scooter d'inverno,traffico,traffico città,soluzioni traffico,alternativa auto
Per aumentare il comfort anche in pieno inverno Malaguti oggi propone il nuovo tettuccio sul BLOG 125-160, un nuovo modo di vivere il concetto di seconda “auto”.
Nato da una espressa richiesta del mercato giapponese, il nuovo tettuccio del BLOG ha suscitato subito grande interesse anche nel mercato europeo perché è il modo più pratico ed economico per trasformare lo scooter in un veicolo che offre riparo da maltempo e freddo senza trascurare il comfort e la praticità di montaggio: il parabrezza è fissato su una carena aggiuntiva bloccata allo scudo anteriore con 6 viti.

Il parabrezza è molto avvolgente ed offre una adeguata protezione da aria e pioggia. Tra le sue caratteristiche ci sono l’elevata trasparenza e lo specialetrattamento antigraffio. Può montare come optional un tergicristallo azionato da un interruttore posizionato sulla nuova carena. Il collegamento viene garantito dall’utilizzo di due rubacorrente ed un semplice schema elettrico.
Il tettuccio è in vetroresina ed è sorretto da due tubi in alluminio, corredati da una coppia di paracolpi, fissati ad un supporto metallico ancorato direttamente al maniglione posteriore dello scooter. Questa applicazione permette la montabilità del baule da 30 litri.

Lo scooter si guida sempre con il casco ma con il vantaggio che non si avranno appannamenti di visiera e gocce che impediscono la visuale.


Se pur lontano da un progetto articolato e completamente
dedicato come l'Adiva e il BMW C1 (ora riproposto aggiornato, come vedremo in seguito), questa scelta costituisce un passaggio importante nel panorama della mobilità urbana e, anche se sollecitato principalmente dal mercato orientale, l'innovazione nasce senz'altro per espandersi anche nel settore europeo, rendendo almeno un briciolo di giustizia ha chi ha sempre creduto e lavorato nel campo delle due ruote "tutto l'anno".

Lodevole iniziativa anche se, ovviamente, si tratta di un accessorio robusto e razionale quanto si vuole ma pur sempre un'aggiunta, con i limiti derivanti da questa condizione : parabrezza fissato ad una carena aggiuntiva da fissare ulteriormente alla scocca, tergicristallo aggiunto azionato da impianto elettrico non so quanto affidabile (la batteria e tutto l'impianto elettrico saranno in grado di reggere il sovraccarico di una intera giornata di pioggia ?), impossibilità di aggiungere alcun tipo di deflettore (e i possessori di Adiva sanno bene l'insostituibile utilità dei deflettori, soprattutto quelli laterali), ed alcuni pregi notevoli : parabrezza a prova di graffio, ancoraggio robusto posteriore con possibilità di coprire anche il passeggero, estetica tutto sommato gradevole.

In conclusione, registriamo la buona novella come auspicio per una consapevolezza dei costruttori verso il segmento dei "coperti" sino ad oggi praticamente ignorato, sperando che anche gli scooteristi scoprano questo settore "antiauto" che alleggerirebbe moltissimo il traffico e l' inquinamento delle nostre città !

0 commenti:

  © Blogger template Techie by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP