CI RIPROVIAMO !

CI RIPROVIAMO !
Dobbiamo assolutamente discutere e confrontarci sul destino degli scooter coperti !

il motore della AD 250

adiva,ad,scooter usati,scooter coperti,tetto scooter,inverno,pioggia,ad250,scooter pioggia


. . . ed eccoci al motore della AD250.

Come nella serie precedente con la partnership della Benelli, anche questo è "made" in Piaggio : dall'affidabilissimo L.E.A.D.E.R. si è passati al supercollaudato QUASAR che, finalmente, rispetta il rapporto peso/potenza per motorizzare uno scooter di 176 Kg e di 210 cm di lunghezza.

E' un monocilindrico di 244 cc con 22 cv a 8000 giri e con una coppia massima di 20,2 Nm a 6000 giri, superaffidabile e stracollaudato dagli innumerevoli Beverly che motorizza (e chissà quanti altri scooter cinesi o coreani !).

Diciamo subito che, finalmente, la cilindrata e la potenza sono adeguate alla mole del mezzo e lo spunto è sufficiente per trarsi d'impaccio in ogni situazione.

La sensazione "dell'impiccato" che contraddistingueva il precedente Benelli-Adiva è completamente dimenticata : anche in due, si sente la potenza del propulsore e l'erogazione è fluida e senza buchi.

Anche da fermo lo spunto è notevole ed il motore gira sempre liscio anche alla velocità massima (circa 120 km/h considerando sempre l'ostacolo alla velocità rappresentato dalla notevole superficie vetrata); del resto, non è questo lo scooter con il quale cimentarsi in gare di velocità.

Il consumo lo definirei ottimo considerando la scarsa penetrazione aereodinamica : la media di 24/25 Km a litro è ottenibile anche dopo due anni di uso quotidiano e con percorrenze a velocità costante (superstrade o ampie statali), si raggiungono i 28 Km/litro senza problemi.

Ritengo il 250 cc la cilindrata sicuramente ideale per questo tipo di mezzo : non ho preso in considerazione il 125 cc perchè assolutamente sottopotenziato rispetto alla stazza (sicuramente, la motorizzazione minore è stata dettata soltanto dalla necessità di penetrare il mercato estero !).

Ultime considerazioni relative all'affidabilità del motore (dell'affidabilità generale parlerò più diffusamente nel post "conclusioni"!): come dicevo sopra, più di due anni di uso quotidiano non hanno evidenziato la minima sbavatura al motore, oltre ai tagliandi regolari mi "sono permesso" di aggiungere un pò di olio motore solo una volta (ma ho scoperto poi che non era stato stretto a dovere il tappo di ritegno !); per il resto, estate o inverno, un giro di chiave e via !

Al prossimo post per le conclusioni generali . . .

0 commenti:

  © Blogger template Techie by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP